io vivo in un mondo pieno di gente che finge di essere quella che non è, ma quando parlo con te sono come voglio essere

mercoledì 15 maggio 2013

Resoconto

Porca miseria!
Enel sta facendo dei lavori sulla linea, oggi senza corrente dalle 9 alle 17 domani stessa storia,se non completano dopodomani idem...
Risultato? Un casino! Abbiamo case troppo tecnologiche ed hobby altrettanto !

E poi porca vacca ancora! Sapete che vi avevo detto di essermi ritirata dal direttivo del comitato di quartiere? Sputatemi, sono di nuovo dentro, non ho saputo dire di no dopo le tante insistenze e sono appena rientrata da una riunione.... Però mi piace.


20 commenti:

  1. Davvero, siamo ormai dipendenti da tutta una serie di cose e per farne a meno dobbiamo stravolgere il nostro stile di vita.

    RispondiElimina
  2. Qui è saltata la corrente in mezza area metropolitana di Milano (che include i comuni del circondario) perché i "soliti noti" si sono introdotti in una cabina per rubare i cavi di rame e hanno causato un incendio che ha distrutto linee e trasformatori. Per fortuna essendo Milano ci sono delle squadre di emergenza che nel giro di un'ora in qualche maniera fanno ritornare la corrente e poi riparano il riparabile.

    RispondiElimina
  3. Pensa i miracoli della tecnologia: Enel fa i lavori nella tua zona e manca la luce anche a Milano...
    Quanto al comitato di quartiere, ti sei fatta fregare di nuovo, e il fatto che ti piaccia non copre la presa d'atto che di fregatura si tratta.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. e poi le riunioni si possono fare anche a lume di candela :D

    RispondiElimina
  5. Non ci si ritira mai dai comitati direttivi di quartiere: quale migliore occasione di mandare affanculo il prossimo?
    Io qui sto nell'Ausländerbeirat, che vuol dire Consiglio comunale degli stranieri: sapessi che soddisfazione quando ci viene a trovare il sindaco durante le nostre riunioni fargli ascoltare il punto di vista del 28% della sua popolazione, dei suoi elettori, senza quelle mezze misure che caratterizzano l'eloquio teutonico, ma con le dure espressioni che caratterizzano l'eloquio di noi italiani e dei turchi. Mamma li turchi, sapessi come gliele dicono di cotte e di crude. Una volta lo abbiamo fatto diventare rosso rosso. Che soddisfazione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, apparentarsi coi Turchi invece che coi Tedeschi deve essere motivo di grande soddisfazione.

      Elimina
    2. Certo, se tu pensi ancora ai turchi come fossero quelli delle favole della nonna, ti sembra strano che si possano avere contatti con loro. Ti garantisco che non puzzano di zolfo e sono molto meno ignoranti di certi connazionali. E poi non hanno la puzza sotto il naso di certi tedeschi e di certi italiani del Nord Italia.

      Elimina
    3. Secondo me uno che va a mendicare un piatto di minestra in casa d'altri dovrebbe avere la decenza di essere un po' meno protervo.

      Se poi te ti senti più vicino ai Turchi che ai Tedeschi, direi che questo spiega tante ma tante cose.

      Elimina
    4. @ Lorè, stai esagerando.

      Sei intelligente quindi mi hai capito benissimo.

      Elimina
    5. Non ti sapevo razzista ma solo poco intelligente. Ho amici tra i turchi, tra i tedeschi, tra i negri d'Africa, tra cattolici, protestanti e islamici e me ne frego altamente del colore della pelle e della loro provenienza.
      Visto che parli di protervia (ma da qual pulpito scende la predica) e che ipotizzi un mio accattonaggio in questa terra, sappi che io sono arrivato in Germania su invito di Hans Benninghof, uno dei registi e scenografi teatrali più importanti nei teatri tedeschi ancor oggi, che avendomi visto lavorare per la stagione di Verona volle avermi a München al Teatro Comunale per un anno. Da München a Francoforte al Teatro di Stato e poi a Karlsruhe.
      Comunque gli italiani e gli stranieri che arrivavano e che ancor oggi arrivano in Germania non vanno di porta in porta col cappello in mano ma portano la loro operosità e la loro onestà, che sono ben valutate qui e che fanno in modo che venga salvato il nome di una nazione strapazzata da una classe politica inetta e da gente poco amabile come i tanti Loranzo che la abitano.
      Da te non mi farei pulire nemmeno le scarpe, tanto per farti sapere.

      Elimina
    6. Lillina, non sto affatto esagerando. Leggi quello che scrive Vincenzo, nomen omen. Certo, cosi come è colpa nostra se certa gente circola nelle nostre strade, è colpa dei Tedeschi se certa altra gente circola nelle loro.

      Elimina
    7. Invece esageri anche con questo commento.

      Che ti devo dire che sei uno che si rende amabile? Non lo sei fai di tutto per non esserlo, ti devo dire che non risulti xenofobo? Lo risulti. Che non tendi a metterti su di un piedistallo? Lo fai.Ti prendi la libertà di offendere persone che non la pensano come te, hai dato a Vincenzo del mentecatto ma tu che ne sai di lui?
      Caro Lorenzo sei sempre in guerra, contro tutto e tutti persino con te stesso, guarda che è meglio affrontare tutto col sorriso.

      Elimina
    8. Lillina io prendo in considerazione i fatti e la parola scritta.

      Le fantasie che si possono ricamare sopra a partire ognuno dai propri problemi personali, non mi interessano.

      "sapessi che soddisfazione...
      (non serve Freud per capire di cosa parliamo)

      ... senza quelle mezze misure che caratterizzano l'eloquio teutonico, ma con le dure espressioni che caratterizzano l'eloquio di noi italiani e dei turchi...
      (Italiani e Turchi una faccia una razza nel mondo di Vincenzo)

      ... sapessi come gliele dicono di cotte e di crude...
      (diamogli un premio)

      ... Una volta lo abbiamo fatto diventare rosso rosso. Che soddisfazione!!!"
      (la prossima volta tirategli dei porfidi per aumentare la soddisfazione)

      Elimina
    9. Cara Lillina, confesso che mi sono lasciato trascinare in questa becera querelle perché mi sono sentito oltraggiato. Vorrei concluderla qui, scusandomi con te per avere abusato della ospitalità, ma io non mi faccio dare dell'accattone e del cretino da nessuno.
      Costui ignora le più elementari nozioni di educazione,é incolto e sciocco razzista, è privo del più comune senso di autocritica,cita Freud a sproposito (che c'entra Freud con una soddisfazione nel vedere in difficoltà un politico messo a confronto con le sue magagne?) sicuramente senza averlo mai letto, non è sicuramente mai vissuto in una nazione multietnica come la Germania, non ha nessun titolo per giudicare essendo fazioso e soprattutto stupido. Cosa ne sa lui del tipico modo di ragionar tedesco? Come riuscirebbe a confutare le opinioni del vicino della porta accanto alla sua se rimane ingolfato nel suo angusto angolo visivo? È dote degli stupidi accusare gli altri sentendosi al di sopra di chiunque.
      Ho spesso letto suoi commenti, quindi so di che parlo. Non cambierà mai. Purtroppo la madre degli imbecilli è sempre incinta.

      Elimina
    10. Ti compatisco.

      Non ti rendi conto che il tuo commento soprastante è cosi ovviamente esagerato nella scarica di insulti che manifesta l'esatto contrario di quello che vorresti ottenere e cioè mostra che sei debole e in difficoltà. Un po' come il cagnolino da salotto che abbaia facendo un fracasso d'inferno. Il fracasso è inversamente proporzionale alla taglia del cagnetto.

      Da cui, preso atto che non siamo nella stessa categoria, da qui in poi cercherò di ignorare bonariamente quello che scrivi.

      Comunque per la cronaca, sono stato in Germania e ho lavorato coi Tedeschi.

      Elimina
    11. Anzi, sai cosa ti dico?
      Eviterò di commentare ulteriormente su questo blog.

      Elimina
    12. Carino mio, il 17 maggio alle ore 10,05 hai iniziato tu a sparare cavolate. Io ho replicato nel modo più gentile che conosco il giorno dopo piú o meno alla stessa ora, dicendoti che i turchi non sono quelli delle favole. Alle 13,06 dello stesso giorno tu mi hai dato del mendicante. Cosa pretendevi, che mi mettessi a uggiolare dalla paura?
      Ma va là gasato.
      Su una cosa hai ragione: non siamo della stessa categoria.

      Hai lavorato in Germania coi tedeschi. Che bravo.
      Allora capisci wenn ich Dir sage, dass Du keine Menschlichkeit hast?

      Per me che tu resti o che tu te ne vada non importa un fico secco; mi spiace per Lillina che perderebbe un assiduo anche se assai collerico commentatore.





      Elimina
  6. Azzz dalle 9 alle 17 fa a tempo a scongelarsi tutto quanto nel congelatore e andare tutto a puttane.....
    Brutta storia sta tecnologia, torniamo alla ghiacciaia??????
    Si vede che hai la stoffa della politica, candidati sche ti votiamo, tanto male che vada peggio di questi non faresti di sicuro.......

    RispondiElimina
  7. Oggi è andata a puttana la mia pazienza.
    Ero rassegnata a restare senza corrente dalle 9 alle 17, ma al disagio si è unito vodafone con segnale che giocava al nascondino per cui avevo la linea a singhiozzi, ho provato a collegarmi ad internet usando i dati a pacchetto ma anche la linea internet era lentissima o inesistente, dopo mezzora di tentativi ho chiuso il telefono, ma non è finita....a causa di un guasto la corrente è tornata solo alle 20.30....e non dico nulla...

    RispondiElimina
  8. Può darsi che abbiano tolto la corrente anche agli impianti da cui dipende la "cella" a cui ti colleghi da casa tua col telefono, per cui si sei collegata ad una "cella" contigua ma data la distanza il segnale non era buono abbastanza per il traffico dati. Tieni presente che il telefono o la chiavetta USB, scala automaticamente da un protocollo per le "linee veloci" ad uno per le "linee lente" e poi ad uno per le "linee lentissime" a seconda del segnale che rileva. E lo scalare non è progressivo, è un gradino tipo 1000 - 100 - 10.

    RispondiElimina

Ho messo la moderazione non per censurarvi, ma solo perchè voglio essere la prima a leggere i vostri commenti una sorta di ius primae noctis.
L'ho messa anche perchè siccome non controllo quasi mai le mail, se qualcuno vuole mandarmi un messaggio privato ha la certezza che lo legga, nell'altro caso a volte passa pure un mese prima di...
Ciao a tutti, se non vi piace sappiate che a me non importa un fico secco.