io vivo in un mondo pieno di gente che finge di essere quella che non è, ma quando parlo con te sono come voglio essere

lunedì 15 aprile 2013

Poteva andar peggio

Si preannunciava un pomeriggio come tutti gli altri, invece è cambiato tutto in pochi spaventosi minuti.
Come ogni giorno Symba al guinzaglio, un amica ed io facciamo le nostre due orette di camminata.
All'andata tutto tranquillo, giornata soleggiata, ma non eccessivamente calda, conversazione piacevole, e Symba allegro e adorante che mi cammina ad un passo dalle gambe.
Facciamo la sosta al bar per acqua e caffè, e ci avviamo per il ritorno.
A metà strada la tragedia.
In prossimità di un locale, c'erano alcune vetture parcheggiate a bordo strada , con symba che mi precedeva di un passo aggiro un furgoncino per evitare di camminare in mezzo alla carreggiata, e lì l'amara accoglienza di un enorme pastore tedesco, senza collare, guinzaglio e museruola, nel vedere avvicinare Symba gli si avventa contro.
Urlo come una pazza cercando di salvare il mio povero cagnolino che si lamenta dal dolore, lo prendo in braccio, per proteggerlo, mentre il padrone del cagnone accorre in aiuto. Lo blocca.
Symba invece continua a guaire e a lamentarsi, strepita tra le mie braccia vuole scendere, lo poggio, e l'assalitore e ancora una volta pronto per attaccare, urlo ancora cercando di farlo allontanare mentre il padrone lo riacciuffa per bloccarlo.
Riprendo in braccio Symba e mi allontano il più possibile, apparentemente sembra non avere ferite, mentre io sono in uno stato pietoso per la paura presa, non per me, infatti vi sembrerà strano non ho mai temuto che il cane potesse attaccare me, non mi ha degnato di uno sguardo la sua preda era il mio dolce cagnolino.
A parte lo spavento sia io che Symba  stavamo bene, abbiamo così continuato tranquilli la nostra camminata.
Poco prima di rientrare a casa però noto del sangue, pochissimo, sotto la coda ed intorno all'ano, cerco di sollevargli la coda per guardare meglio ma non me lo permette guaisce , prova dolore.
Senza neanche fare la doccia prendo la macchina e lo porto in clinica.
Il dottore riscontra una ferita intorno all'ano, deve sedarlo e mettere i punti.
Lo ricovera, mentre io torno a casa per fare una doccia, e per far trascorrere l'ora necessaria per sedarlo e ricucirlo.
Quattro punti interni e due graffette metalliche esterne. Il veterinario ha detto che siamo stati fortunati pochi centimetri e gli avrebbe perforato l'ano.
Ora è qui vicino a me che sonnecchia sofferente, mi guarda con i suoi occhietti tristi ed io mi sento morire.
Vorrei aiutarlo ma non posso far altro che accarezzarlo e dargli il mio amore.
Non odio quel cane, ma domani passerò da quel bar per lasciare al gestore un messaggio per quel padrone. : Per favore quando porti il cane fuori la prossima volta metti la museruola, se ti becco senza la prossima volta parte la denuncia.

9 commenti:

  1. Sei brava, tu.
    Certi coglioni sono da denuncia "buona la prima".
    (durante la convalescenza Symba è autorizzato a usare il triciclo di Kira)
    :o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei buono e Symba ringrazia.
      Kira sembra si sia accorta di suo che symba non sta bene e cede il triciclo volentieri anche perchè lei oramai è passata alla moto ;)

      Elimina
  2. Ma povero Symba. Una pacca da parte mia.

    RispondiElimina
  3. Solita considerazione sulla classe dei "padroni di cane".

    RispondiElimina
  4. Povera cagnetta! Mi ricorda Dido, il cane incrociato ma tanto caro di mia nipote Sofia. Era uscito pazzo d'amore per una cagnetta del vicinato e ci stava riuscendo povero cocco, quando è arrivato un cagnone prepotente che lo ha azzannato sul di dietro. Mezza coscia, mezza chiappa e un testicolo da ricucire. Il difficile è stato riprenderlo perché impazzito dal dolore fuggiva disperatamente senza sapere dove andava.
    12 punti in totale e una paura boia. Adesso quando vede la "sua" cagnetta gira al largo e nemmeno la guarda più.
    Quando si dice un amore stroncato sul nascere.

    RispondiElimina
  5. È l'istinto che spinge ad attaccare proprio quella zona, perché è un punto di grande vulnerabilità. Hai fatto bene a farlo medicare subito: se avessi minimizzato, entro un paio di giorni rischiava un ascesso.
    Ora stai con lui, ha bisogno di mamma. E presto passerà tutto. Un bacio a entrambi.

    RispondiElimina

Ho messo la moderazione non per censurarvi, ma solo perchè voglio essere la prima a leggere i vostri commenti una sorta di ius primae noctis.
L'ho messa anche perchè siccome non controllo quasi mai le mail, se qualcuno vuole mandarmi un messaggio privato ha la certezza che lo legga, nell'altro caso a volte passa pure un mese prima di...
Ciao a tutti, se non vi piace sappiate che a me non importa un fico secco.