io vivo in un mondo pieno di gente che finge di essere quella che non è, ma quando parlo con te sono come voglio essere

lunedì 29 ottobre 2012

Acqua

L'altro pomeriggio sono passata in posta a pagare alcune bollette, tra le quali quella dell'acqua.
Non so voi ma sto molto attenta a non sprecarne molta e cerco di sensibilizzare al massimo sull'argomento anche i miei figli, non solo per avere una bolletta più leggera, ma soprattutto perchè è un imperativo ecologico.
Come sapete le riserve di acqua si vanno sempre più riducendo, viene speso sempre più in energia per il suo pompaggio e per incanalarla oltre ai costi per la sua depurazione.
Dicono che ognuno di noi consuma l'equivalente di due vasche da bagno al giorno, questa stima mi ha lasciato un po' scioccata, così ho deciso di risparmiarla.
Tranquilli non è che abbia smesso di lavarmi, ho usato piccoli trucchi per ridurre il consumo.
Se avete pazienza e voglia di ascoltare alcuni consigli ve li spiego, anche perchè alcuni di essi permettono la riduzione dello spreco di circa il 50%.
- Non aprire mai l'acqua al massimo e non lasciarla scorrere a vuoto per esempio lavando i denti che è un classico o quando si risciacquano le spugne pulendo i lavabi.
- Preferire la doccia al bagno, io mi regalo un lungo bagno caldo solo in inverno e una volta alla settimana, per il resto faccio docce.
- se non avete la lavastoviglie e lavate i piatti a mano, mettete il detersivo in un catino con poca acqua saponate tutte le stoviglie e poi risciacquate, su questo ho un altro consiglio conservate l'acqua di cottura della pasta (mia nonna lo faceva sempre) aggiungeteci metà del detersivo che usate di solito, l'amido è un formidabile sgrassante, avrete un risparmio sia per l'acqua che per il detersivo.
- lavate le verdure lasciandole prima ammollo poi risciacquatele velocemente
- lavatrici e lavastoviglie andrebbero avviate solo a pieno carico.

E poi alcuni accorgimenti più tecnici

- Montate ai rubinetti gli aeratori a basso flusso un aggeggino da inserire nella parte finale del rubinetto per intenderci dove c'è quel filtrino. è una cosa semplicissima ci sono sia per i rubinetti che per le docce, riducono del 50% il flusso dell'acqua mantenendo intatta la pressione e costano circa 50 centesimi.
- Ridurre la portata dello sciacquone. I nuovi servizi sono dotati di diversi sistemi di scarico a secondo delle necessità (per intenderci a secondo se fate pipì o cacca) erogano quantità di acqua diverse.
Per chi avesse un vecchio servizio con un unico pulsante di scarico può ridurre la portata dello sciacquone, io ho messo dentro una bottiglietta di plastica piena di acqua, per ridurre la capienza.
Avrei un altro consiglio tecnico...un po' delicato....quando fate la cacca prima mettete un po' di strappi di carta igienica nel wc, evitate che si attacchi  e scivola via più velocemente...(sorry...prometto che non vi darò più consigli del genere).

11 commenti:

  1. Sorpresa: Obama, dico Obama Barack, il preside degli usa, per il risparmio d'acqua consiglia di fare pipì in corso di doccia. Di bagno è meglio di no. E neanche di bidet.
    La posta aperta di pomeriggio: ma vivi in Finlandia?
    Ti facevo più vicina, ma con il web le distanze non esistono più.
    Comunque qui, a pochi metri ufficiali da te, ancora grazie se la posta è aperta di mattino.
    Poiché sei presumibilmente esente dall'obbligo di farti la barba, non hai pensato ai poveretti che 'devono' farsela: sciacquo del viso, quattro dita d'acqua nel lavandino per pulire il rasoio, rasatura, risciacquo definitivo, un paio di litri e il risparmio è fatto.
    Acqua calda per radersi? Meglio la fredda, non ammorbidisce il pelo, ma lo fa drizzare pronto e disposto alla decapitazione.
    Il massimo del risparmio poi viene da Einstein: lavarsi una volta al mese, si risparmia e le cellule nella zozzeria lavorano meglio. Inoltre anche i batteri, le zecche, le zanzare, le pulci, i pidocchi e perfino i gatti, stanno a debita distanza tanto l'untume fa schifo.
    Basta parlarne e le cose utili vengono a galla.
    Ciao, buona notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LOL Pietro il tuo commento è uno spasso!
      Dai in ogni caso non andiamo verso gli estremismi!
      A proposito di poste, Paola non è mica un paesello solo in centro gli uffici postali sono tre quello centrale fa anche il turno pomeridiano.
      Riguardo Paola ti comunico l'ultima di ieri che centra anche col post perchè a breve vedremo lievitare le bollette, acqua naturalmente compresa, così come per tutti gli altri servizi, ieri è stato dichiarato il dissesto, per non farci mancare nulla ed essere parte integrante della nostra patria avremo i nostri bei tecnici a governare il comune.

      Elimina
  2. Da noi, per evitare il dissesto siamo indebitati fino al 2035. A quei debiti se ne aggiungeranno altri, e fra non molto vi terremo compagnia.
    Con tre uffici postali, è strano che la tua cittadina non si sia proposta come capoluogo di provincia. Con il dissesto avrebbe acquisito meriti in più per diventarlo.
    Comunque penso che sia la provincia che la regione intera sia in fase di sfascio: quello che si dice 'mal comune mezzo gaudio'; ma anche 'chi è causa del suo mal pianga se stesso', e la causa di questo male, in effetti, siamo noi stessi.
    Ciao, un abbraccio solidale.

    RispondiElimina
  3. Brava Lillina, istruisci gli spreconi! :)

    RispondiElimina
  4. Alcuni di questi consigli non li conoscevo affatto come quello dell'acqua di cottura. Grazie Li, interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego...mi stupisce sta cosa...un tempo le stoviglie si lavavano principalmente così, già ma te sei omo!

      Elimina
  5. Mia sorella non solo consuma tonnellate di acqua ma lava qualsiasi cosa con l'acqua calda, per lei l'acqua fredda è come se non esistesse. E te mi insegni che prima che la caldaia a condensazione ti faccia arrivare l'acqua calda, devi farne scorrere un po', almeno tutta quella che c'era nel tubo. Ogni volta che sciacqua una forchetta o un pomodoro.

    Inutile dirglielo e inutile provare a ragionarci.

    Detto questo, qui da noi di acqua ce n'è anche troppa, magari un po' inquinata dalle infiltrazioni di metalli pesanti e solventi scaricati dalle fabbrichette.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con queste tipologie di sorelle bisogna portare pazienza....io stresso tutti al contrario..

      Elimina
    2. Non si tratta di pazienza ma di bestemmia vivente.

      Elimina

Ho messo la moderazione non per censurarvi, ma solo perchè voglio essere la prima a leggere i vostri commenti una sorta di ius primae noctis.
L'ho messa anche perchè siccome non controllo quasi mai le mail, se qualcuno vuole mandarmi un messaggio privato ha la certezza che lo legga, nell'altro caso a volte passa pure un mese prima di...
Ciao a tutti, se non vi piace sappiate che a me non importa un fico secco.