io vivo in un mondo pieno di gente che finge di essere quella che non è, ma quando parlo con te sono come voglio essere

giovedì 14 febbraio 2013

Chi non è assuefatto scagli la prima pietra

Ho ritenuto doveroso diffondere questo post di Hombre,

15 commenti:

  1. Io vorrei una spiegazione sul perché "doveroso" e nel merito della questione, come si propone di risolvere il problema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorè hai tutti i requisiti per arrivarci da solo...spero.

      Sai sarebbe come spiegare i colori ad un cieco,l'amore ad uno che non ha mai amato, il profumo di un neonato a chi non ne ha mai cullato uno....
      Come si propone di risolvere il problema puoi chiederlo a lei o leggere con più attenzione la sua lettera.
      Da parte mia lo risolverei mandando a fanculo e anche qualcosa di più tradotta in azione tutti quelli che si pongono fuori da questa piaga, facendo finta che sia un problema che non li riguardi, solo perchè geograficamente lontani.
      Lorenzo beh mando a fanculo anche te perchè a volte riesci ad ergerti a giudice supremo, con questo commento è così che sei apparso e mi dispiace.
      Vedi alcune volte dovresti tenere presente che essere nati nella periferia di Milano anzicchè in quella di Palermo o Napoli non fa di te un uomo migliore, più in gamba, più intelligente, più lavoratore o più cretino.
      Mi dispiace per questo mio commento magari non ho ben capito il tuo commento, sarò felice di cambiare opinione se vorrai aggiungere altro.

      Elimina
    2. Tutte chiacchiere per non rispondere alla domanda.

      Elimina
    3. Io il tuo post l'ho capito benissimo, una bella palata di luoghi comuni presi da li e buttati qui senza costrutto cosi fai bella figura senza impegno.

      Ma nel dubbio, chiedo se per caso ci hai anche pensato un millisecondo.

      Elimina
    4. Rispondo alla domanda ...ecco Hombre mi ha obbligato a condividere il suo post, mi ha ricattato moralmente, io quindi da povera donzella senza cervello mi sono fatta soggiogare e ho diffuso il suo post.
      Ora forse sarai soddisfatto, ti ho messo su la banalità che il tuo cervello è disposta ad accettare? No?
      Allora che vuoi fa finta che l'ho divulgata per il motivo che ti fa più comodo pensare.

      Nel secondo commento dici "post" per dire commento? Sai io non penso mai ho la fortuna di non doverlo fare tanto ci sei te che pensi al posto mio.
      Lorè rilassati non prendere ogni cosa di petto.

      Elimina
    5. Il post è quello che scrivi tu nel blog.
      Il commento è tutto il resto che aggiungono i lettori e tu quando rispondi.

      Lo stesso che ho scritto sotto, tante, troppe parole per dire "non lo so".

      Elimina
    6. Allora secondo te ho linkato il post di Hombre che ha sua volta ha riportato la lettera del sindaco di Lampedusa, solo per fare bella figura?
      Mio caro tu sei davvero fuori! Con chi dovrei fare bella figura? E perchè poi? Secondo te dovrei sforzarmi di mettere una maschera con perfetti sconosciuti?
      Dio che mente contorta che hai!

      Vuoi un rimedio a quella situazione, lo vuoi da noi che abbiamo condiviso quella lettera, noi non abbiamo il potere di poter cambiare la situazione, chi invece lo ha perchè qui si tratta non solo di politica nazionale, ma internazionale, non fa nulla.
      Sono pronti a spendere milioni, in armamenti, in missioni all'estero (come dicono loro per la pace), ma poi chissà perchè vanno solo dove ci sono interessi economici da tutelare,e lasciano morire il resto del mondo.

      Elimina
    7. Non è questione di bella figura è questione di conformismo. E' un esercizio di stile. Il problema è che te ne dovresti rendere conto da sola. Per fartelo capire io dovrei partire da troppo indietro.

      Arrivata alla età adulta, non solo dovresti avere compreso che la vita è ingiusta ma che il nostro benessere si fonda su una struttura piramidale per cui te usi un gadget tecnologico prodotto da uno schiavo cinese che lavora 12 ore al giorno per un pugno di lenticchie.

      La soluzione è teoricamente semplice, già nota nella remota antichità. Vendi tutto quello che possiedi e lo distribuisci agli schiavi cinesi. Di poi ti offri volontaria per lavorare nel fabbricone con lo schiavo cinese e dividere le lenticchie.

      Prego accomodati. Dai l'esempio.
      Altrimenti, fintanto che si pontifica dal proprio divano con in mano il gadget montato dallo schiavo cinese, si fa solo del moralismo falso come i soldi del monopoli.

      Elimina
  2. Da ammirare per la lucida, e direi pacata, esposizione della situazione. La "proposta" mi pare implicita: un'isoletta che non è in grado di seppellire i morti, non suoi ma è marginale, chiede aiuto. Tutto qui.
    Quanto al "doveroso", ritengo sia dovere di tutti divulgare quanto più possibile queste situazioni assurde.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti do un consiglio, quando chiedi aiuto conviene dire "chiedo aiuto" invece di fare un predicozzo sui massimi sistemi.

      Dipoi, se la situazione è assurda, chiedo anche a te quale sarebbe il rimedio proposto.

      Elimina
    2. Ti do un consiglio, quando chiedi aiuto conviene dire "chiedo aiuto" invece di fare un predicozzo sui massimi sistemi.
      Ci sono diversi modi per chiedere aiuto: si inizia uno sciopero della fame, ci si dà fuoco in piazza, si va in televisione... e a chi vorrebbe sapere "perché, per cosa, chiedi aiuto", rispondere sibillino "sono cazzi miei".
      Oppure si chiede aiuto motivando la richiesta in termini chiari, che siano alla portata dell'ignoranza (da "ignorare", non conoscere) che regna sovrana in tutti i gradini al di sopra di un Sindaco disperato; quindi non nel comune burocratese (visti gli artt. 1-2-3 del ddl. n. XX, valutata la competenza del R.D. n. XX del 1931, visionato il dpr in via di approvazione n.XX, ecc. ecc., "chiedo aiuto", ma non vi dico perché; se volete andate a leggere gli articoli succitati).
      Oppure ancora: si potrebbero alzare gli occhi al cielo e, presumendo che Lassù sappiano già tutto, limitarsi ad un "chiedo aiuto" implorante, abbinato, non guasta mai, alla richiesta di perdono per i peccati propri e per quelli dei morti, sconosciuti portati dal mare, ma sicuramente peccatori.
      Dipoi, se la situazione è assurda, chiedo anche a te quale sarebbe il rimedio proposto.
      Ho un guasto alla macchina, vado dal meccanico e gli espongo il problema; se sapessi, e fossi in grado di attuarlo, non andrei dal meccanico, troverei il modo di arrangiarmi. Il rimedio al mio problema lo deve trovare il meccanico. Se non è in grado di intervenire, è bene smetta di fare il meccanico e vada a raccogliere nespole o pomodori.
      Sto male, vado dal medico, gli racconto dei miei malanni (sintomi), e da lui mi aspetto una loro attenta valutazione (diagnosi) e conseguente intervento di cura. Non mi passa neanche per la cabeza di "suggerirgli" un parere sui miei guai fisici. Lui è quel gradino sopra di me, cui chiedo aiuto per guarire; se non è in grado di darmelo, questo aiuto, è opportuno che smetta di fare il medico, e vada a tenere compagnia al meccanico.
      Se questo Sindaco (che, mi ripeto, ammiro per la semplicità e la chiarezza e la pacatezza delle sue espressioni) lancia un appello, una richiesta di aiuto, non è lui a dover "proporre" la soluzione di un problema che passa molto al di sopra della sua testa, della sua possibilità e capacità di intervento: la richiesta è lanciata verso un prefetto, verso un presidente di regione, verso un governo centrale, verso l'Europa tutta, verso il padreterno...
      Meccanici e medici, che "dovrebbero" intervenire quanto meno per prendere atto delle condizioni in cui questo Sindaco opera, fare la diagnosi e trovare il sistema per aiutarlo a superare una situazione, mi ripeto ancora, assurda (e, aggiungo, vergognosa, convinto come sono che di questa situazione siano tutti già bene a conoscenza). Se non sono in grado, o non vogliono o non possono, intervenire, le nespole e i pomodori hanno bisogno di braccia per essere raccolti.
      Sicuramente se questo Sindaco avesse scelto di darsi fuoco nella pubblica piazza, forse ma non è detto, avrebbe ottenuto maggiore attenzione e, chissà, perfino l'immediata soluzione ai suoi problemi.
      Non so quanti abitanti abbia Lampedusa: sicuramente troppo pochi per avere sufficienti voti da mettere sul piatto politico attuale in cambio di un interessamento a questa vicenda.
      E intanto, per colpa di questo branco di menefreghisti, io sono costretto a vergognarmi per loro, non avendo alcun altro motivo personale per farlo.

      Elimina
    3. A me la cosa che da fastidio non è tanto che qui nel blog di Lillina non ci vengano proposte delle soluzioni ma che un pezzo come questo:

      "Sono sempre più convinta che la politica europea sull'immigrazione consideri questo tributo di vite umane un modo per calmierare i flussi, se non un deterrente. Ma se per queste persone il viaggio sui barconi è tuttora l'unica possibilità di sperare, io credo che la loro morte in mare debba essere per l'Europa motivo di vergogna e disonore."

      Si cerchi di farlo passare come una neutra "richiesta di aiuto", quando invece sappiamo bene cosa c'è dietro, sopra sotto, intorno.
      Vedi la sparata finale:
      "Come se avesse la pelle bianca, come se fosse un figlio nostro annegato durante una vacanza."

      Qui non solo non si hanno le proposte e le soluzioni ma si hanno le idee confuse. Come se la "europa", che poi si tratta dell'Italia, avesse un satellite in orbita, andasse a guardare di che colore sono i naufraghi e quando hanno "la pelle bianca" li andasse a soccorrere, altrimenti li lasciasse annegare.

      Finisco chiedendomi se il sindaco di Lampedusa sa quanta gente muore in giro per il mondo e quanti di questi non hanno "la pelle bianca", di poi se ritiene che sia colpa mia/nostra anche quello.

      Però è "doveroso".

      Elimina
    4. Lorè, mi verrebbero da dire tante cose su quanto hai detto, ma rinuncio, perchè in questo momento provo solo dolore.
      Però ho notato che anche a te la lettera ha toccato qualcosa dentro, il fatto che tu con veemenza rifiuti l'idea che ciò che succede possa essere in un certo modo anche colpa tua/nostra ne è la prova.

      Mi piacerebbe leggere il tuo rimedio a questa piaga, se ne hai uno.

      Elimina
    5. Comunque, assodato che la risposta alla domanda "e quindi?" è semplicemente un "boh", io rimango sempre in attesa di proposte.

      Elimina
  3. Quando avrò un rimedio stai sicura che lo pubblicherò urbi ed orbi, andrò alla assemblea delle Nazioni Unite, dal Papa, ovunque. Fino ad allora però eviterò di fare del moralismo ipocrita o infantile.

    RispondiElimina

Ho messo la moderazione non per censurarvi, ma solo perchè voglio essere la prima a leggere i vostri commenti una sorta di ius primae noctis.
L'ho messa anche perchè siccome non controllo quasi mai le mail, se qualcuno vuole mandarmi un messaggio privato ha la certezza che lo legga, nell'altro caso a volte passa pure un mese prima di...
Ciao a tutti, se non vi piace sappiate che a me non importa un fico secco.