io vivo in un mondo pieno di gente che finge di essere quella che non è, ma quando parlo con te sono come voglio essere

giovedì 2 febbraio 2012

sentirsi belle e col sole dentro

Dopo una giornata di pioggia, oggi risveglio col sole, cosa importa se in questo momento è coperto da nuvole? Mi è entrato dentro.
Aprire le imposte ed essere colpita in piena faccia dai suoi raggi mi ha messo dentro una strana calma, è come se mi avesse riversato dentro una massiccia dose di buon umore e ottimismo.
Ho fatto tutte le cose, che oramai sono diventate routine con calma e consapevolezza.
Farà strano,ma rifare i letti, spolverare e così via è stato solo far quello, la mente non è corsa altrove, c'erano solo quei movimenti, che per una volta senza nemmeno rendermene conto non era meccanici, ma fini a se stessi.
Mi sono concessa un lungo bagno caldo, e per un certo senso era come se non lo avessi fatto da secoli
Forse perchè era da tempo che non mi concedevo di indugiare con lo sguardo sul mio corpo. Di solito lo si fa con fretta, senza soffermarsi a guardare davvero.Lo sguardo che vi ho posato oggi era uno sguardo che ha letto il dentro e il fuori di quel corpo che copriamo per pudore di mostrare il nostro io.
Sulla mia pelle chiara, è ancora molto visibile il segno del costume, frutto di ore passate sotto il sole, fatte di chiacchiere, pensieri , nostalgie, risate e discorsi importanti, di musica che rimbalzava nelle orecchie mentre facevo camminate solitarie su una spiaggia ormai deserta di ottobre. A parte tre particolari rivelatrici sembrava  che ancora indossassi il costume..ho riso.
Sulla mia pancia, oramai non perfettamente tonica, ho seguito con un dito le tre smagliature oramai biancastre, ho riso ancora non mi facevano schifo, anzi ne sono orgogliosa sono il frutto e il ricordo indelebile delle mie due gravidanze.
La cicatrice più su invece mi evoca un po di fastidio, e un certo risentimento verso il chirurgo che mi aveva promesso una cucitura estetica, quasi invisibile..col cazzo...ma pazienza... Comunque la mia colecisti avrebbe potuto ribellarsi un paio di anni dopo,mi sarei potuta operare in endoscopia...
Ho controllato il seno, mio amico e nemico, ho riso pensando a qualcuno....
Ho riso ancora perchè proprio non mi sono rassegnata ad averlo così importante, è vero che non avrò mai bisogno di push-up, ma è vero anche indossare alcuni capi in estate è pericoloso, si rischia di apparire troppo,  senza parlare del rischio che dalle scollature emerga troppa roba....
Indubbiamente il rischio non lo corro io, ma quei poveri cristi mononeurone che inevitabilmente ci si imbattono, mi sento in imbarazzo al loro posto, cercano di guardarti in faccia ma rischiano di diventare strabici, così per non fargli torto mi copro.
La parte più ardua è guardarsi negli occhi, ho retto lo sguardo. Ho ammesso e visto i miei limiti, ho letto le conquiste e le sconfitte, ho messo da parte moralismi e convenzioni, solo allora mi sono vista realmente nuda, una persona come tante che cerca ancora instancabilmente, di lenire la sofferenza senza farsi abbattere. Fragile e forte allo steso tempo. Senza la pretesa di essere diversa, ma con la speranza di migliorare.
Non ci sono ancora rughe intorno ai miei occhi, sono fortunata, quando arriveranno sono certa che non le vedrò comunque brutte, sarebbe come rinnegare la vita vissuta fino ad allora.
Devo ritornare dal dentista, la nicotina macchia i denti, non sono carini ed io continuo a ridere e a dispensare sorrisi a tutti manco fossi il dalai lama, e si devo prendere un appuntamento e prepararmi al cazziatone per la mia avversione al filo interdentale...che ci posso fare se mi da lo steso effetto sgradevole del gesso che stride su una lavagna?
Insapono le mie gambe ancora scure, noto con piacere l'assenza degli odiosi peli....sono magre ecco qui vorrei un po di carne in più o di muscoli....tornare in palestra non ho voglia, magari ricomincio la mia ora di camminata giornaliera.
Col fon in mano mi soffermo a guardare i capelli , si nota la ricrescita, è una vita che i primi capelli bianchi sono arrivati oramai sono abituata, ma non vedo l'ora di diventare vecchia, per sfuggire alla schiavitù del colore. I miei capelli sono il mio personale campanello d'allarme, posso mentire a me stessa, dirmi : sto bene, è tutto ok. Ma loro non mentono, dicono la verità anche quando io mi ostino a non vederla.
Durante l'ultimo controllo all'IDI di Roma, la dottoressa mi ha detto, si rassegni non è nulla di grave, ma mentre  alcuni a causa di stress, dolore e sofferenze varie, soffrono di ulcera, stipsi e dermatosi a lei cadono i capelli... E così sia amen, tanto son anni che vado avanti così, cadono e poi ricrescono...fanno tutto soli diciamo che sono indipendenti ....
Li asciugo e li piastro con cura, passo un po di olio sulle punte.
Indosso i miei jeans, sono ingrassata , ma la mia 44 regge, per la dieta se ne parla a primavera. Un maglioncino glicine...non pervinca ne sono certa stavolta, il pervinca ha più blu del glicine.
Crema idratante, seguita da schermo solare che uso inverno ed estate, perchè predisposta a macchie scure, e proprio perchè oggi ho deciso di prendermi cura con calma di me, passo un po di fondotinta, matita nera e rimmel. Lascio le labbra quasi naturali con un filo di matita e un burro cacao rosato.....non male.
Si non male, con tanti difetti, non bella, ma soddisfatta di me.
Forse il segreto è questo non essere belle ma sentirsi belle, ed oggi io,vero o non vero mi sento bella.

18 commenti:

  1. Finché l'udito è buono, l'estetica è assicurata ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed e' solo questo che conta " quello che senti tu"
      un abbraccio ;)

      Elimina
  2. FA bene al cuore leggere un post così. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè è un cardiotonico?
      Grazie :)

      Elimina
  3. un caldo abbraccio da un mononeurone: quella roba non è mai troppa e coperta o scoperta NOI lo sappiamo quant'è! E da dieci metri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco un altro raggio di sole...caldo, molto caldo...troppo caldo....???

      Elimina
  4. qui c'è un tonfo sottozero... mi ci vorrebbe almeno una quinta per scaldarmi un po'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheheh ....
      caldaia in sazi tri (....facile per te)

      Elimina
    2. Leggo da MM ecco svelati i tuoi bollori....

      Elimina
  5. Proprio bello questo post!
    Già dal titolo mi suggerisce il modo giusto di affrontare la vita e il tempo.
    Thanks :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, MM.
      Prendi la vita con ottimismo.

      Elimina
  6. ma che bel post!
    ma che bel post!
    ma che bel post!



    grazie, lillina. mi lascerò ispirare da questo per il weekend. in questo momento nella mia vita una tappa così calza a pennello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima lascia che il tuo sguardo si fermi ed ascolti.

      Elimina
    2. già.

      dopo anni di lavoro interiore, adesso sto lavorando sul fuori . non mi scelgo mai percorsi facili, io. ma quando arrivano i frutti, allora sì che sorrido a me stessa.

      :)

      Elimina
    3. oh, se oggi ti fischiassero le orecchie, sono io.
      sallo.
      :D

      (mi sto ispirando a questo post. grazie ancora)

      Elimina
  7. Mannaggia sentivo qualcosa ,ma pensavo arrivassero soldi! :)

    RispondiElimina

Ho messo la moderazione non per censurarvi, ma solo perchè voglio essere la prima a leggere i vostri commenti una sorta di ius primae noctis.
L'ho messa anche perchè siccome non controllo quasi mai le mail, se qualcuno vuole mandarmi un messaggio privato ha la certezza che lo legga, nell'altro caso a volte passa pure un mese prima di...
Ciao a tutti, se non vi piace sappiate che a me non importa un fico secco.